20 febbraio 2016

Intermezzi e pause : manualetto ad uso dei viaggiatori in territorio russo



Chi ha già toccato il territorio russo partecipando ad un viaggio organizzato difficilmente ha avuto modo di entrare in contatto con ambienti lavorativi ed uffici dove è prassi comune interrompere più volte l'attività di lavoro; tali pause sono più frequenti per chi svolge il proprio lavoro in uno sportello aperto al pubblico.
Mentre in Italia di norma si effettua una sola interruzione per la pausa pranzo, in Russia questo genere di intervalli è assai diversificato nei diversi settori e in certi casi mette a dura prova i nervi di chi sconosce tali regole, tuttavia previste dai contratti di lavoro.Per chi non conosce l'alfabeto cirillico diremo che nel cartello in alto le parole Технический перерыв (Technicheskij pereriv) si traducono con "pausa tecnica", anche se non c'è in realtà nessun guasto o anomalia ai computer ma semplicemente l'impiegato abbandona allo scoccare dell'ora prevista la sua postazione di lavoro.
Nel cartello della foto in alto, l'impiegato si assenterà dalle 11,00 alle 11,30.

UTILI SUGGERIMENTI
Abbiamo deciso di dare alcuni utili suggerimenti sia a chi intenda, per motivi di studio o lavoro, soggiornare in una località della Federazione Russa, sia a chi pur risiedendo per periodi limitati magari a San Pietroburgo o a Mosca debba spostarsi, pagare bollette o acquistare beni e servizi con la possibilità pertanto di incappare nel famigerato "pereriv".
La prima cosa da ricordare quando si entra in un ufficio aperto al pubblico è di avvicinarsi allo sportello prima di mettersi in coda e verificare sui cartellini appositi quali siano gli orari degli intervalli previsti e valutare di conseguenza se valga o meno la pena di fare la fila in uno o l'altro sportello, per non rischiare di arrivarci davanti, proprio nel momento in cui l'impiegato mette il cartello del "pereriv"e guardando il vostro sguardo attonito capisce che siete stranieri e allora incrocia le mani a X per ribadire con quel gesto evidente che adesso lo sportello è chiuso.

PERERIV IN STAZIONE
Vi assicuriamo per esperienza diretta che non è piacevole fare 30 minuti di fila e poi vedersi chiudere in faccia lo sportello. Qualche anno fa, ci eravamo incaponiti nel voler acquistare da soli un biglietto per Helsinki, abbiamo allora sperimentato per la prima volta gli effetti  paradossali del pereriv: ebbene abbiamo provato l'ebbrezza di vederci chiudere ben tre sportelli, uno dopo l'altro in sequenza, a distanza di pochi minuti , tanto da averci fatto pensare che vi fosse un qualche Nanni Loi russo a registrare la scena  con qualche candid camera nascosta che naturalmente non c'era. Ovviamente in quel tempo non solo conoscevamo poche parole di russo ma non sapevano neanche cosa significasse il termine "pereriv".
Se dovesse venirvi in mente di  acquistare un biglietto ferroviario, diciamo alla stazione Moskovsky di San Pietroburgo, valutate bene quindi, non solo gli sportelli aperti e  il numero di persone in fila ma anche quelli a prima vista chiusi: scoprirete che leggendo in sportelli diversi i tempi dei diversi pereriv, vi converrà evitare una inutile e lunga fila prossima al pereriv, se in tempi brevi è prevista l'apertura di un altro sportello ancora senza utenti e voi potreste essere ovviamente i primi della fila.

PERERIV IN BANCA
Diversa è la situazione nelle banche dove solitamente vi sono due pereriv: uno al mattino e uno al pomeriggio; se siete soliti andare alla stessa banca prendete nota sul telefono delle pause previste ed eviterete così l'attesa. Nel caso invece non aveste una banca preferita, aguzzate la vista: poichè quando l'impiegata è in pausa sull'indicatore luminoso non appaiono numeri, ergo risulta ovvio che in questo caso avrete da aspettare anche mezzora e pertanto meglio tornare più tardi.
Se a questo punto vi state chiedendo se vi siano modi per evitare la spada di damocle del pereriv , la risposta è certamente si! Aprite un conto corrente in una banca russa o in una partecipata italiana tipo Banca Intesa o Unicredit e fate tutti i vostri acquisti e pagamenti online: nel mondo virtuale al momento non mi pare vi siano pereriv ma qualche intoppo nelle connessioni potrebbe accadere.

PERERIV NEI BAR
Vi potrà sembrare strano, ma anche i bar all'aeroporto Pulkovo di San Pietroburgo sono soggetti all'influsso malefico del pereriv: inutilmente ormai da anni tentiamo, sperando sia l'ora e il momento giusto, di ordinare e assaporare un caffè Illy in uno dei bar posti strategicamente vicini ai gate dei voli per l'Italia; purtroppo la risposta dell'impiegata di turno, giovane e carina, solitamente in piedi alla cassa è sempre stata fino ad oggi: pereriv, pereriv, pereriv ! Forse se comprassi un biglietto per il Kazakhistan e partissi in un'ora diversa dai voli per l'Italia forse raggiungerei finalmente lo scopo....ve lo farò sapere ma adesso scusate sto in Russia e devo andare anch'io in "pereriv".

Nessun commento:

Posta un commento

Invia un commento sul post