14 gennaio 2018

Benvenuti a Mosca: caotica, avviluppante, sorprendente metropoli tutta da scoprire.


Riprendiamo dopo la pausa festiva i nostri post augurando a tutti i lettori un proficuo 2018 ricco di gioie ma soprattutto di piacevoli scoperte a pochi km da casa o agli antipodi.

Per chi ha già letto i nostri precedenti articoli riguardanti in particolare San Pietroburgo e dintorni, ci fa piacere informare che i nuovi post riguarderanno soprattutto la capitale Mosca. Trovandoci in questa metropoli del nord che conta 12.380.664 abitanti (con i sobborghi 15.512.000), ci sembra opportuno dedicare i nostri sforzi per far conoscere meglio questa metropoli del nord.
I vecchi stereotipi di climi e temperature resistono nonostante abbiano poco a che fare con la realtà attuale: nel periodo natalizio le temperature a Mosca si sono mantenute su valori positivi inoltre anche la neve si è vista di rado a fine 2017. Chi si allontana dall'area del Cremlino non può non stupirsi  quindi della miriade di condizionatori visibili all'esterno delle facciate degli edifici. Giunti a Mosca in settembre ci hanno accolto cieli azzurri e una temperatura di 27° C , assai piacevole per esplorazioni a piedi o con la efficientissima metropolitana, che ha favorito le escursioni verso le numerose aree verdi , ignote non solo ai turisti ma anche ai moscoviti.
Vi invitiamo quindi a seguirci nelle nostre esplorazioni, sia qui a nord, ma anche attraverso i nostri voli pindarici , con ali più robuste di quelle di Icaro o con altri mezzi di locomozione.
Speriamo di offrirvi come sempre spunti per ampliare le vostre conoscenze, suggerimenti per scoprire luoghi, personaggi e storie curiose o poco note ma fondamentalmente provare ancora stupore e meraviglia apprezzando la diversità ancora visibile in tante parti del mondo.
Gennaio non è certo un mese considerato ideale per andare a zonzo in Russia, tuttavia Mosca è ancora agghindata a festa e palazzi, centri commerciali ma anche ponti, giardini e grandi monumenti sono sfavillanti di luci. Tanti passeggiano lungo la Tverskaya illuminata da mille luci in forma di coppe di champagne, altri preferiscono percorrere per intero i giardini Nikitinsky, dove gallerie luminose consentono di scattare foto inusuali e ammirare le foto dei numerosi siti naturali della Russia. Ancora a metà gennaio per i russi la festa non è finita e grandi alberi natalizi dalle inusitate dimensioni sono sparsi ovunque nella città e non c'è piazza che non sia presidiata da colossali alberi di natale dagli straordinari giochi di luci e colori che invitano ad uscire dalle case fin troppo riscaldate. Se quindi avete visitato San Pietroburgo in estate, suggeriamo di provare Mosca in inverno: abbandonate per una volta lenticchie e cotechino e passate la notte di Capodanno insieme alle migliaia di cittadini russi che allo scoccare della mezzanotte brindano sulla Piazza Rossa o al Parco Gorkji in attesa degli sfavillanti giochi d'artificio e se siete in grado, lanciatevi lungo gli anelli ghiacciati delle piste di pattinaggio all'aperto del centro espositivo detto VDNK.
Cercando sul web si troveranno numerosi filmati riguardanti Mosca, noi ne abbiamo scelto uno da Vimeo che meglio di altri ne rappresenta in una manciata di secondi la grandiosità ma anche un aspetto messo poco in rilievo dai nostri media: la sua propensione al futuro. Quella spinta in avanti che nelle nostre città, a partire da Roma sembra non esistere ( qualcuno direbbe anzi che sembra innestata da tempo la retromarcia). Eccovi il link dello spettacolare video realizzato da Timelab con l'ausilio di droni professionali

https://vimeo.com/240910267 

Felice 2018 !

Nessun commento:

Posta un commento

Invia un commento sul post