6 giugno 2018

Al cimitero Novodeviĉij di Mosca in cerca di clown e inusuali sculture funerarie

Molti turisti in visita alla città di Mosca si recano al Monastero Novodeviĉij e qualcuno dotato di buone guide, percorre quel breve tratto, lungo le alte mura merlate, per recarsi anche al vicino cimitero.
Gran parte sono spinti dal desiderio di portare un fiore a Čechov , a Gogol o magari a Turgenev.
Chi ha frequentato in Italia il Dams avrà invece in mente il nome e il famoso metodo di Gentian Stanislavskij o i mitici film di Eisensten,. Oggi  su you tube è possibile trovare sia il film, pietra miliare della cinematografia, "La corazzata Potiëmkin", ma anche le gesta del principe Alexandr Nevskji. Gli spiriti poetici andranno invece a cercare il poeta e cantore della Rivoluzione d'ottobre, Vladimir Majakovskij. Altra direzione seguiranno coloro che dotati di estro musicale andranno in cerca di Prokofev, Rostropovich e del grande Shostakovich che volle eseguire le sue sinfonie, trasmesse per radio a tutto il mondo, anche durante l'assedio di Leningrado.
A noi piace soffermarci invece nei pressi di una tomba sempre allegra, non solo perchè è sempre disseminata di variopinti bouquet di fiori.
Abbiamo fotografato il buon Yurij mentre si gode la sua sigaretta e lo farà ormai per un tempo infinito. La sua è  una scultura funeraria sui generis presente al cimitero Novodeviĉi dal 1997. Venne realizzata per Yurij Vladimirovich Nikulin che fu uno dei più amati clown oltre che direttore del Circo di Mosca che porta ancora il suo nome e che girò anche numerosi film che gli valsero premi e riconoscimenti durante la sua lunga carriera. Accanto a lui c'è un'altra scultura: quella del suo cane che sembra aspettare paziente, che l'amico di una vita finisca di fumare per poi andare a zonzo con lui.

Se avete del tempo andate al cimitero con una mappa, peraltro presente all'entrata e magari segnatavi in anticipo le ubicazioni dei personaggi che volete omaggiare della vostra visita. Anche Molotov e Tupolev vi aspettano ma anche un buon ginecologo: l'emerito Persianinov, che tiene delicatamente in mano un neonato. Se da lontano vedete quantitativi abnormi di fiori siete vicini alla tomba di Boris Eltsin. Se avete sempre apprezzato gli spiriti liberi...Kropotkin non può mancare nel vostro tour.
Probabilmente siete giovani e non avete neanche sentito parlare di Alexandra Kollontaj: fu una rivoluzionaria russa marxista e femminista oltre che ministro e ambasciatrice. Fu la prima donna a far parte di un governo: quello presieduto da Lenin, dopo la Rivoluzione di ottobre.
Adesso avete un motivo in più per scoprire qualcosa in più sulla sua vita e portarle magari un fiore, ripensando magari alle tante conquiste realizzate in favore delle donne e perchè no, anche ai suoi suggerimenti in tema d'amore, già molto avanzati e rivoluzionari per i suoi tempi.
Buona scoperta !

Se volete vedere Nikulin all'opera ecco un filmato trovato su you tube:
https://youtu.be/GlT4U6Q4ed0

Nessun commento:

Posta un commento

Invia un commento sul post