13 ottobre 2019

Perdersi a Mosca da soli o in compagnia, scoprire repubbliche ignote e incontrare cento etnie (Parte I )


Dopo aver esplorato sufficientemente Mosca, capitale della Federazione Russa, abbiamo deciso di redarre una serie di promemoria pratici dedicati a quei viaggiatori che non amano i tour preconfezionati e che in viaggio preferiscono seguire più il proprio istinto e i propri interessi che i suggerimenti di guide talvolte obsolete. La lettura dei post non farà male neanche a chi, avendo già in passato attraversato la Piazza Rossa e visitato il Cremlino, sta maturando l'idea di un personale aggiornamento  di queste terre settentrionali. Mosca è una destinazione ideale, dove apprezzare in qualsiasi stagione, le tecniche di gestione di una grande metropoli: giungendo dall'Europa si noteranno a queste latitudini ritmi assai  più rapidi che delle nostre città, ed è proprio questo cambiamento che vi invitiamo a cogliere.
Noi partiamo dal presupposto che se si sta in volo per varie ore, percorrendo oltre 3000 km per raggiungere questa smisurata metropoli del nord, capitale del più grande paese al mondo, si dovrebbe aver voglia di cogliere ogni opportunità per tornare a casa non solo con qualche foto che abbia sullo sfondo le variopinte cupole di San Basilio o una scorta di  souvenir in grado di accontentare amici e parenti ma anche con un cospicuo bagaglio di conoscenze e nuovi stimoli, relativi al mondo russo. Le attività suggerite sono comunque alla portata di tutti e con un minimo sforzo , apprese alcune parole utili e frasi elementari in russo si potranno aggiungere piccole esperienze quotidiane che riempiranno molte pagine del vostro personale libro dei ricordi.
Trattando da tempo di modi originali di viaggiare, non possiamo non ricordarne uno in particolare.
Lo raccontava Andrea Camilleri in un'intervista riproposta di recente dalla Rai: lo scrittore giungendo in una città nuova, prima di dedicarsi a palazzi storici, musei e monumenti, preferiva andare a spasso nei luoghi frequentati dagli abitanti per cercare di afferrarne il loro modo di vivere quotidiano. Lo scrittore ammetteva anche la sua difficoltà nel comprendere talvolta la lingua del luogo ma riusciva comunque a trarne il nesso o le dinamiche di comunicazione. Se vi sentite in sintonia con questa modalità di esplorare il mondo, di seguito troverete spunti e suggerimenti. Gli amanti della lettura cercheranno gli scritti di un grande scrittore francese: Théophile Gautier. Il viaggiatore per Gautier dovrebbe assumere in viaggio una nuova pelle e se necessario adattarsi ai costumi e agli usi del paese che sta visitando;se fosse necessario suggerisce ironicamente, dovrebbe farsi addirittura cardinale per godere in Vaticano delle opere di Raffaello.

PROVARE TUTTI I MEZZI DI TRASPORTO 


Ingressi della stazione metro Troparevo 
La maggioranza dei viaggiatori visitano città e metropoli con tour preorganizzati, soprattutto per timore di non comprendere l'idioma locale.  L'espandersi tuttavia dell'uso di app per chiamare un taxi senza dover comunicare nella lingua dell'autista e l'uso di speakers e mappe digitali su bus e metropolitane, specie dove l'alfabeto non è quello del viaggiatore, ha semplificato e agevolato il turismo fai da te. Il risultato è quello di avere una visione meno parziale del luogo visitato, visto che in tal modo si incroceranno più facilmente coloro che in quella città ci vivono e ci lavorano. Usare l'estesa rete di trasporti di Mosca potrà far capire molto dei ritmi della città e dei modi di vivere dei suoi abitanti ma farà scoprire anche quartieri, aree verdi e paesaggi inaspettati che anche le guide più diffuse, per semplificazione, tendono a ignorare.
In estate potreste provare sulle linee della metropolitana dove le stazioni sono molto distanziate e i finestrini aperti, la sensazione tipicamente cinematografica del treno lanciato a folle corsa e senza conducente: il rumore infatti è molto forte specie nelle gallerie e per lunghi minuti i vagoni sfiorano i 50 km orari. Fatta l'abitudine, vi comporterete come i russi: rimarrete in silenzio attendendo la successiva fermata.  Spostandosi su linee e quartieri diversi si avrà anche la possibilità di percepire la complessità di questa metropoli praticamente multicentrica dove il nome del quartiere o rayon si legge sugli edifici più alti o su grandi piloni posti sulla strada principale di accesso al quartiere. Gli oltre 12.000.000 di abitanti hanno comunque a disposizione numerosi giardini sempre curati, estese aree verdi adatte al relax e al divertimento di grandi e piccoli e non mancano certo i supermercati aperti 24 ore e grandi centri commerciali dotati non solo di bar e ristoranti ma anche di cinema e strutture di intrattenimento per i più piccoli, praticamente in tutti i quartieri. Praticamente non esistono periferie ma solo località e agglomerati più lontane dal cosiddetto Km zero che troverete poco prima di accedere sulla Piazza Rossa venendo dai Giardini di Alessandro.
 Molti turisti vengono accompagnati per un breve tour tra le stazioni storiche della metropolitana  moscovita (Novoslobodskaya, Konsomolskaya, Kievskaja o Ploshad Revoliutsij , tanto per citare le più visitate) e le guide scelgono magari i giorni festivi per evitare di perdere qualche turista distratto e così in tanti non noteranno le consuete folle in perenne movimento che nei giorni feriali sciamano tra i lunghi corridoi e poi lungo le quadruple file di scale mobili: la media di utenti giornaliera si aggira infatti sugli 8,5 milioni di utenti e dalle stazioni più transitate passano quotidianamente fino a 150.000 utenti, certamente con maggiore frequenza nelle ore di punta. (8,00-9,30 e 17,00-19,00). In caso di feste o eventi speciali tutto cambia in direzione dei luoghi dove questi si svolgono: a Mosca per inciso si lavora a Ferragosto e anche il 25 dicembre, sono tuttavia centinaia gli eventi , le commemorazioni e le occasioni per festeggiare, anche solo per segnare il passaggio da una stagione all'altra. Il festival d'autunno è particolarmente apprezzato dai russi ma meno noto ai turisti. Lo scorso 14 luglio il Parco Muzeon è stato invaso da folle di cittadini in fila davanti ai chioschi di cibi tipici francesi; non mancavano né le ostriche né il Camembert, né i profumati mazzetti di lavanda. Quindi aguzzate la vista sulle locandine sparse per la città: nel caso usate la fotocamera del cellulare e fate tradurre a Google.

Stazione Metro Paveleskaya
L'efficienza della rete metropolitana di Mosca è assicurata da circa 57.000 persone che ogni giorno lavorano  per farla funzionare dalle 5,30 del mattino fino all'una di notte. Dopo l'ultima corsa entrano in funzione gli autobus notturni; i taxi invece non mancano mai ma risulta inutile fermarli con la mano, ormai è meglio chiamarli con le apposite app : saprete il tipo di auto, il numero di targa e il nome  dell'autista ma soprattutto il costo della corsa.

Per conoscere i progetti in corso nella città di Mosca vi suggeriamo di visitare il sito web del Sindaco (link alle pagine in lingua inglese) o le pagine ricche di utili informazioni della Metro di Mosca (link in russo) che potrete tradurre con Google e che riportano dati, numeri e progetti per il futuro della città. Scoprirete che nel 2008 c'erano 177 stazioni metropolitane, ad oggi siamo arrivati a 232, ma se si includono l' Anello Centrale di Mosca (MCC) e le stazioni della monorotaia si arriva a 269 stazioni; e non può non sorprendere specialmente chi viene da Roma, che lo scorso giugno sono state aperte altre otto nuove stazioni e si prevede di aprirne altre 39 entro il 2023.

L'esperimento che suggeriamo ai nostri lettori, consiste nel programmare un loro particolare tour da realizzare  in più giorni acquistando una Troika card che riduce il costo del biglietto della metropolitana da 55 a 38 rubli per ogni accesso. Google map vi sarà utile nello scoprire aree verdi urbane come Sokolniki e l'estesa riserva storica di Kolomenskoe ma anche musei sconosciuti come quello dell'Art Deco, non lontano dagli impianti sportivi di Luzhinki. Anche prima di arrivare in Russia installate da Google play l'ottima app di Yandex Metro che riporta i nomi delle stazioni traslitterate anche in inglese e che vi aiuterà soprattutto nei passaggi da una linea all'altra.  Se pensate di utilizzare anche qualche mezzo di superficie (autobus e tram ) in tal caso l'app da usare si chiama Yandex Transport (vedrete così sullo schermo del vostro smartphone i numerosi autobus in movimento intorno a voi) mentre per i taxi sono da preferire Gett taxi e Yandex taxi, evitate di chiamarli però dai centri commerciali con decine di uscite. Meglio vicino ad una fermata di bus o davanti ad un ristorante ben visibile.
 Se alle smisurate prospettive da dieci corsie, difficili da attraversare a piedi, preferite l'esplorazione degli estesi parchi come il Gorkij o quello di Sokolniky o le due magnifiche riserve storiche di Tsaritsino e Kolomenskoe, in queste estese aree verdi è possibile fare belle passeggiate nel verde, tra centinaia di alberi di mele  ma potrete anche noleggiare una volta all'interno, bici e monopattini sia normali che elettrici. Mezzi elettrici sono di ausilio per anziani e famiglie con bambini. Studiate magari in anticipo il vostro itinerario di scoperta che comprenda le stazioni storiche più belle (su youtube trovate video utili a capire quali stazioni meritino di essere viste e quali no ), ma spingetevi anche su quelle nuove: tra quelle recenti vi suggeriamo caldamente alcune stazioni della linea 8A ed in particolare Rasskazovka se vorrete sperimentare l'uso culturale del codice QR per scaricare con il vostro smartphone libri o racconti brevi di autori russi o stranieri. Fermarsi invece in una stazione come Michurinsky Prospekt decorata con bei pittogrammi floreali in 3D, vi riporterà ai  giardini e frutteti di Ivan Michurin, orticultore, agronomo e genetista autodidatta russo che creò attraverso incroci e selezioni durate decenni, numerose specie di piante e frutta. Se poi non avete mai sentito parlare di Lomonosov, definito il Leonardo russo, cercatene la fermata sempre sulla linea gialla 8A . Appassionati di chimica? Vi rammenta qualcosa il nome di Mendeleev ? Andate alla fermata della metropolitana a lui dedicata e fotografate i possenti lampadari dal design molto particolare. Spostandovi acquisirete ad ogni tappa nuove conoscenze specie se a questi stimoli farete seguire qualche lettura come la biografia o il film (..in russo ) dell' appassionato orticultore e selezionatore di piante a cui è dedicata la stazione: Ivan Michurin (1855-1935). Decisamente scintillanti sono alcune delle nuove stazioni della linea 1 rossa:salite sui vagoni in direzione di Kommunarka e vedrete ancora operai al lavoro e i vagoni attraversare fitte foreste di pini . Se siete fortunati vi troverete su treni di nuova concezione che uniscono al design anche utilities come postazioni Usb poste strategicamente per ricaricare i vostri cellulari e schermi touch screen per visualizzare itinerari e stazioni.
Sulla linea 1 troverete numerose stazioni interessanti ma vi suggeriamo di scendere in particolare a Rumianchevo e a Salarevo. Se doveste prendere un treno urbano al posto della metropolitana ( linea 14 del cosiddetto Anello Centrale), la stazione migliore è Gagarinsky ploshad e da lì potreste raggiungere ad esempio Botanichesky Sad dove riprenderete la metro per raggiungere il parco espositivo del VDNK (in russo ВДНХ, si legge Ve-den-khà ). Sul treno provate ad entrare nelle toilette, spaziose e dal design modernissimo.
Se poi vi piace strafare, potreste completare l'esperimento prima prendendo la monorotaia, lenta e ormai datata ma comunque originale, nei pressi del Museo dei Cosmonauti, sempre che non l'abbiano mandata in pensione e poi potreste attraversare in una spaziosa funivia il fiume Moscova partendo da Luzhniki : arriverete in pochi minuti in cima al belvedere sulla terrazza panoramica di Vorobyovy Gory ( Collina dei Passeri) Ovviamente potrete fare il percorso inverso, preferibilmente nei giorni feriali perché spenderete la metà. In inverno potrete provare l'ebbrezza di portare sci o snowboard e poi ridiscendere la collina solitamente innevata per una breve discesa. Non è certo il Ciampinoi di Selva di Val Gardena ma se amate le esperienze originali, in quale altro luogo vi è mai capitato di andare a sciare in metropolitana e attraversare poi un fiume gelato come la Moscova per mezzo di una funivia ? 

DEDICARSI ALLA GEOGRAFIA E ALL'ETNOLOGIA
Coloro che avessero l'opportunità di visitare San Pietroburgo prima di recarsi a Mosca dovrebbero approfittarne per visitare il bel Museo di Etnologia che si trova a poca distanza dal Museo Russo. Questa visita aiuterebbe molto per comprendere meglio il crogiolo di etnie che compongono la popolazione della Federazione russa e quindi anche della sua capitale. In quel museo si incontreranno forse per la prima volta gli Ingusci, gli Osseti, gli Evenchi e i Cabardini. Se qualcuno ha sentito parlare in Tv dei Ceceni o della Cecenia, è assai difficile però che un viaggiatore medio europeo sappia dove vivano i Bakshiri o gli Udmurti o che religione professino i Buriati.

Mappa della Repubblica di Udmurtia
Muovendosi a Mosca tra diversi esercizi commerciali oppure semplicemente osservando i tanti operai al lavoro e gli addetti alla pulizia quotidiana della città si noteranno alcune caratteristiche somatiche distintive. Quelli che molti turisti definiscono genericamente russi sono in realtà anche Kazachi, Uzbechi, Kirghisi, Ciuvashi, Tagiki o Tatari. Il mio giovane barbiere è nato in Kirghistan, la commessa che mi prepara il cappuccino è Azera, essendo originaria dell'Azerbaijan. Nel chiosco nei pressi del Centro Congressi, all'interno del parco Sokolniky, troverete Katia che vi farà un discreto espresso macchiato; lei si definisce sibirskaya, cioè siberiana, essendo nata nel sud della Siberia, in realtà viene dalla repubblica dell'Altai. Un nostro amico italiano ha sposato una ragazza nata a Ulan Ude nella Repubblica di Buriazia: i genitori di lei hanno pregato i locali monaci buddisti di redarre un oroscopo utile per scegliere un giorno fausto per le nozze. I due fratelli che vendono ottima frutta nei pressi di Sokolniky sono Bakshiri essendo originari di Ufa.  Durante una nostra visita all'ufficio postale, abbiamo acquistato dei francobolli dedicati ai Manpupuner, strutture monolitiche giganti presenti in un parco naturale riconosciuto dall'Unesco. Tale parco si trova nella Repubblica Komi, di cui avevamo ignorato l'esistenza fino a qualche mese fa. Una gentile signora che seguiva le mie poco stereopatiche lezioni di italiano rivelò in un suo componimento dedicato all'infanzia di sentirsi pietroburghese ma di essere nata a Dushambe capitale  del Tagikistan. Fino a quel momento  avevamo ignorato tale cittadina. Curiosa è l'origine  del suo nome che si traduce come "secondo giorno" che corrisponde in lingua tagika al lunedì: in tale giorno si teneva in quell'insediamento il locale mercato e che con il passare del tempo e la crescita della popolazione ha dato origine alla attuale cittadina. Detto questo, qualcuno potrebbe sentire la necessità di  colmare queste o altre lacune geografiche, ma se pochi leggono, quanti consultano atlanti ?
Se state programmando un viaggio non dimenticate di visitare una delle grandi librerie di Mosca come Biblio Globus vicino alla Lubyanka o Dom Knigi sull' Arbat, oppure se vi trovate vicino alla Metro Polyanka, vi basteranno pochi passi per entrare alla lbreria Molodaya Gvardiya: cercate il reparto delle carte geografiche di solito insieme agli scaffali delle guide turistiche.I prezzi sono irrisori, pertanto potrete permettervi di comprarne tipi e formati diversi. Naturalmente mappe e atlanti tascabili saranno in lingua russa ma a poco a poco riuscirete a leggere i toponimi più importanti.
Una carta pieghevole della Russia non supererà i 140 rubli (2 euro); Lo stesso dicasi per un atlante della Russia di piccolo formato che conterrà anche il dettaglio di Oblast , Kraj e territori autonomi. Dopo un po' di pratica dell'alfabeto cirillico sarete in grado di scoprire l'esistenza del Bashkortostan , della Buriazia. e della Repubblica di Mari El. Esercitatevi per gradi, cercando ad esempio la Repubblica Sacha (CAXA) una delle più estese, occupando il 20 % del territorio russo, ma più nota con il nome di Yakuzia. Passate poi ad una Repubblica quasi nascosta, quella di Kalmichia o aguzzate la vista e  finalmente troverete anche la Repubblica Komi. Aperto questo varco geografico, se ne avrete voglia, usando internet potrete ampliare le informazioni e addirittura vedere foto e filmati di queste terre prima ignorate e dei suoi abitanti. Potreste con qualche click e brevi letture rispondere a questa domanda: qual è il colore tipico dei capelli e degli occhi tra le donne nel sud della repubblica Udmurtia ? Avete mai ascoltato i suoni prodotti da Olena Uutai, artista siberiana che usa in maniera alquanto originale sia la voce che lo scacciapensieri ? Eccovi un esempio da youtube in questo link. Infine dopo aver ammirato le danze ipnotiche ( link video) di queste ballerine altezzose, vi potrebbe sorgere la curiosità di sapere dove si tovi la Repubblica Cabardino Balkaria da dove esse provengono.

Tver: monumento dedicato a Afanaseij Nikitin

In poche parole, un viaggio in Russia vi aprirà la mente su mondi decisamente ignorati dai nostri media. Quelli che vi abbiamo dato sono solo dei piccoli assaggi, siate curiosi e se doveste ad esempio spostarvi in treno da Mosca verso altre cittadine, cercate delle guide locali e fotografate non solo le luccicanti cupole delle numerose chiese presenti ovunque, ma dedicate qualche scatto alle statue di personaggi a voi ignoti ma legati a quel territorio. A Tver , cittadina a una settantina di km da Mosca, facilmente raggiungibile in treno, troverete ad esempio un piccolo belvedere affacciato sul Volga dove si trova la statua di un tale che non fu né poeta, né musicista e neanche grande condottiero ma un intraprendente mercante: il suo nome è Afanasieij Nikitin.
Il suo merito fu di aver raggiunto, partendo nel 1466 da Tver, nientemeno che l'India. Nikitin lasciò un resoconto del suo viaggio durato tre anni, leggibile ancora oggi.
Prima di lui solo l'italiano Niccolò de Conti aveva compiuto un'impresa simile partendo da Venezia.
Felice esplorazione!






Nessun commento:

Posta un commento

Invia un commento sul post